Accelerare il mouse oltre ogni limite

La finestra di dialogo che contiene le appliazioni di avvio della sessione X window su GNU/Linux

Chi ha uno o più monitor ad alta risoluzione forse non è soddisfatto della velocità massima destinata al cursore del mouse, ovvero con un solo movimento è impossibile raggiungere la parte opposta dello schermo, sia in verticale che in orizzontale.

Poiché il «salto» del topo (mouse) è una mossa piuttosto fastidiosa, faticosa e degenerativa. Ebbene, chi come me utilizza la trackball probabilmente si troverà ancor più infastidito a rullare la sfera più volte al fine di percorrere i millenovecentoventi pixel di larghezza.

Come accelerare il mouse su GNU/Linux

Tra le impostazioni nel pannello di controllo della tua distribuzione probabilmente sei già arrivato alla velocità massima ma non è sufficiente.

Occorre quindi installare il comando da console: xinput se non è presente, si occupa di gestire i dispositivi di input nel server X window.

Per modificare la velocità del cursore cercare l’id della periferica puntatore ed impostare la proprietà di accelerazione ad un valore decimale. Ad esempio:

xinput set-prop 11 270 30.0

Per mantenere l’impostazione, salvare il comando ed attribuire i privilegi in esecuzione ad uno script che sarà successivamente integrato tra le applicazioni in avvio della sessione, ad esempio: ~/speedup-mouse.sh

Per scoprire l’ID della periferica occorre prima ottenere la lista di quest’ultime:

xinput list

Dopo aver individuato la periferica (11) occorre elencarne le proprietà modificabili:

xinput list-props 11

Apparirà quindi un elenco di proprietà e valori, l’id della proprietà «Device Accel Velocity Scaling» è appunto 270 e compare tra parentesi tonde.

Il mio valore di default era 10.00000. Trattandosi di un valore decimale ho impostato 27.5 per gusto personale.

Naturalmente al termine della sessione corrente la modifica svanirà per tanto occorre integrare il comando in uno script nel terminale, attribuire privilegi in esecuzione ed impostarlo tra le applicazioni di avvio.

Tags: